Sœurs de l'Immaculée Conception de Castres

PAGES EN

la vita missionaria delle suore Blu nel mondo 

 

Suor Jennibeth Sabay riflette sulla scoperta di Cristo nei poveri in occasione della V Giornata Mondiale dei Poveri. 

foto1 philipines
foto1 philipines

press to zoom
avec les pauvres
avec les pauvres

press to zoom
foto10
foto10

press to zoom
foto1 philipines
foto1 philipines

press to zoom
1/4

Una suora, membro delle Suore di Nostra Signora dell'Immacolata Concezione di Castres, visita i poveri in uno slum di Quezon City, Metro Manila, Filippine.

Nelle note personali di una santa francese e fondatrice delle Suore di Nostra Signora dell'Immacolata Concezione di Castres, Sainte Emilie de Villeneuve (1811-1854) condivide un tema della sua meditazione: "Un'anima buona, molto caritatevole, disse a Dio mentre andavo a trovare un povero che stava molto male: "Mio Dio, sei ben nascosto in questo povero ma comunque farò in modo che io possa trovarti in lui".

  Ha espresso in una delle sue preghiere: "Il nostro spirito di fede ci fa contemplare Dio solo in tutte le cose e in tutte le cose in Dio solo".

Emilie ha dedicato la sua vita al servizio dei membri poveri e sofferenti di Gesù. Era soprattutto nei volti dei poveri, degli storpi, dei criminali, degli orfani e delle donne che vedeva Dio. Ha lasciato i suoi privilegi sociali, la famiglia, i parenti e gli amici per stare vicino ai poveri, vivere, lavorare e vivere i loro sentimenti. Morì di colera in Francia nel 1854, durante un'epidemia, dopo una vita al servizio dei poveri di Dio.

"I poveri sono sempre con noi" (Mc 14,7) è il tema ripetuto nel messaggio di Papa Francesco per la V Giornata Mondiale dei Poveri, che sarà commemorata il 14 novembre 2021.

La Giornata Mondiale dei Poveri si celebra la 33 domenica del tempo ordinario dal 2017. L'ha istituita papa Francesco in "Misericordia et Misera", lettera apostolica pubblicata il 20 novembre 2016, in occasione della fine del Giubileo Straordinario della Misericordia.

Secondo papa Francesco, il volto di Dio rivelato da Gesù è quello di un Padre preoccupato e vicino ai poveri. “Vediamo Gesù nella vita dei poveri, nelle loro sofferenze e necessità, nelle condizioni spesso disumane in cui sono costretti a vivere”.

“I poveri sono veri evangelizzatori, perché sono stati i primi ad essere evangelizzati e chiamati a condividere la gioia del Signore e del suo Regno”, ha detto Papa Francesco nel suo messaggio.

Ha sottolineato la necessità della conversione, vedendo i poveri non come una “categoria” bisognosa di specifici servizi caritativi, “ma come una sfida alla condivisione e all'impegno reciproci”.

 

"Cambiate questo modo di pensare e raccogliete la sfida della condivisione e del coinvolgimento reciproco nella vita degli altri, specialmente dei poveri".

Nell'enciclica di san Giovanni Paolo II, Centesimus annus n. 28, si dice anche "di abbandonare una mentalità in cui i poveri - come individui e come popoli - sono visti come un peso, come fastidiosi intrusi che cercano di consumare ciò che altri hanno prodotto". . "

Per i poveri, infatti, alla mancanza di beni materiali si è aggiunta una mancanza di conoscenza e di formazione che impedisce loro di uscire dal loro stato di umiliante sudditanza. (CA N° 33)

Papa Francesco ha sottolineato nel suo messaggio che i poveri conoscono il Cristo sofferente attraverso le loro sofferenze. Hanno molto da insegnarci.

“I poveri spesso ci insegnano la solidarietà e la condivisione. Certo, sono persone a cui mancano certe cose, spesso molte cose, anche l'essenziale, ma a loro non manca tutto, perché conservano la dignità della loro vita. 'Figli di Dio che niente e nessuno potrà loro togliere».

giorno dei poveri - 14 novembre 2021

Le suore, membri delle Suore di Nostra Signora dell'Immacolata Concezione di Castres, visitano i poveri negli slum di Manila, Filippine.

foto2 phi 02 barreta.JPG

Secondo le Nazioni Unite, la pandemia di COVID-19 sta avendo profondi effetti sulla povertà, aumentando il numero di persone che vivono o rischiano di vivere in povertà e ampliando il divario tra ricchi e poveri. Reddito ridotto, disoccupazione, insicurezza alimentare, istruzione inadeguata e aumento della violenza domestica aggravano la povertà.

 

Il Papa ha sottolineato nel suo messaggio "l'urgenza di offrire risposte concrete a quanti sono disoccupati, il cui numero comprende tanti padri, madri e giovani". La solidarietà sociale e la generosità sono il contributo più significativo in questo momento, ha aggiunto.

Ha esortato i fedeli “a essere consapevoli dei bisogni dei poveri, che cambiano continuamente, così come delle loro condizioni di vita…, per incontrare personalmente i poveri dove si trovano, per capire cosa provano, cosa fanno . 'vivono e ciò che il loro cuore desidera. "

"La povertà deve motivarci a una progettazione creativa, volta ad aumentare la libertà necessaria per vivere una vita appagante secondo le capacità di ciascuno", ha aggiunto nel suo messaggio.

Gesù è il primo dei poveri, il più povero dei poveri perché li rappresenta tutti. Non lo troviamo quando e dove vogliamo, ma lo vediamo nella vita dei poveri, nelle loro sofferenze e nei loro bisogni, ha detto.

Molti santi esemplari hanno fatto della condivisione con i poveri il loro progetto di vita. Il Papa ha citato Padre (San) Damien de Veuster (1840-1889), l'apostolo dei lebbrosi che ha dedicato loro la sua vita.

Siamo invitati a dare la nostra vita per il servizio dei più poveri tra i poveri, come disse Sainte Emilie de Villeneuve a suo padre, "è per Dio che ti lascio, voglio servire i poveri".

Come cristiani, siamo chiamati a rispondere ai bisogni dei nostri fratelli e sorelle, specialmente di quelli che hanno i più grandi bisogni e che esigono la risposta più grande. Possiamo noi vedere Gesù nei volti dei poveri.

(Jennibeth Sabay è membro delle Suore di Nostra Signora dell'Immacolata Concezione di Castres, una congregazione missionaria impegnata a favore dei più poveri tra i poveri).

La missione ci sfida ad accompagnare i poveri nelle loro lotte di Suor Jennibeth Sabay

foto3
foto3

press to zoom
foto4
foto4

press to zoom
foto14_edited
foto14_edited

press to zoom
foto3
foto3

press to zoom
1/4

Missione  delle Suore dell'Immacolata Concezione con bambini provenienti da quartieri svantaggiati presso la Maison d'Emilie a Querzon City. (Foto della missione nel 2014).

Chi sono i poveri? Abbiamo tutti idee diverse su cosa siano i poveri; le nostre idee possono essere collegate alle nostre esperienze di vita.

Prima, quando sentivo la parola "povero", pensavo subito ai poveri materialmente.

Ho cominciato a capire e scoprire che ci sono diversi concetti di povertà o di essere povero - inclusi quelli materiali, spirituali, emotivi; o solidarietà con loro; o i poveri come evangelizzatori.

La povertà non è sempre negativa, ma c'è una certa povertà che si impone, derivante da sistemi strutturali ingiusti che devono essere esaminati e affrontati criticamente.

Anche noi abbiamo le nostre idee, i nostri pensieri, i nostri sentimenti e anche i nostri pregiudizi verso i poveri.

Dio conosce e ascolta il grido dei poveri (Sal 34,7), specialmente di coloro che sono vittime di sistemi ingiusti nella società. Vive in persone la cui situazione può essere considerata disperata agli occhi della società. Dio vuole che tutti abbiano una vita piena (Giovanni 10:10), che implica l'essere liberi da ogni forma di ingiustizia, sofferenza, violenza e discriminazione, in modo che ogni persona sia considerata con rispetto e valore. Continua a provvedere ai suoi figli, dando la preferenza a chi ne ha più bisogno.

"Padre, è per Dio che ti lascio. Voglio servire i poveri". Queste sono state le parole di Sant'Emilie de Villeneuve, monaca cattolica francese (e fondatrice della mia congregazione), a suo padre quando gli ha parlato del suo desiderio di dedicare la sua vita a Dio al servizio dei più poveri tra i poveri.

Il fatto di aver visto e vissuto le situazioni dei poveri di Dio l'ha spinta a mettersi a loro disposizione liberamente. Voleva stare con i poveri - i malati, le prostitute, i carcerati - per mostrare loro, a modo suo, che Dio li ama .

La sua passione era il suo amore per Dio e per i suoi poveri. Voleva non solo aiutarli, ma anche dare la vita per loro, trattarli da pari a pari, restituire loro la dignità perduta di esseri umani, come Gesù, il cui cuore era sempre rivolto ai poveri e ai sofferenti. .  

Ho lavorato come infermiera nell'ufficio sanitario provinciale della mia città nelle Filippine per alcuni anni prima di unirmi alle Suore di Nostra Signora dell'Immacolata Concezione a Castres.

La maggior parte delle persone che hanno chiesto aiuto nel nostro ufficio erano indigenti e povere, coloro che non potevano permettersi di pagare l'assistenza sanitaria, che dipendono dai servizi governativi gratuiti.

Sono stato assegnato al Centro per il trattamento dei morsi di animali, dove ho somministrato iniezioni di rabbia ai poveri delle province che non potevano permettersi di pagare negli ospedali.

Aiutando il programma nazionale di controllo della tubercolosi in ufficio, ho anche visto che i poveri sono i più gravemente colpiti dalla maggior parte delle malattie infettive. È una triste realtà che le loro condizioni di vita e la loro povertà contribuiscano al loro stato di salute.

missione: pastorale dei bambini

Missione ai bambini e alle famiglie svantaggiate - Pastorale dei bambini.

foto4.JPG

Ora appartenendo a una congregazione missionaria impegnata con i più poveri tra i poveri, ho avuto l'opportunità di sperimentare lo stare con i poveri in diverse regioni. Queste esperienze mi hanno permesso di vedere più chiaramente le diverse facce della povertà: malnutrizione, disoccupazione, senzatetto, condizioni di vita disumane, malattie e altre condizioni che minacciano tutti gli aspetti della vita umana.

Una delle aree di missione delle sorelle della comunità di Pag-asa CROP.jpg Mindanao Avenue, Barangay Pag-asa, Quezon City, Filippine, nel 2019 (Lady Anne Cardoso) Mindanao Avenue, Barangay Pag-asa, Quezon City, Filippine, nel 2019 (Lady Anne Cardoso)

 

Vedere queste realtà infelici mi ha aperto gli occhi, mi ha dato una prospettiva, ha sollevato la mia coscienza, e poi Dio mi ha indirizzato lungo questo sentiero.  

Anche i miei incontri con famiglie e bambini negli slum o nei luoghi depressi delle nostre aree di missione mi hanno reso consapevole del potere evangelizzatore dei poveri. Vedo in loro speranza, gioia, gratitudine e fede in Dio, nonostante le loro sofferenze e difficoltà.

Come sottolinea l'Evangelii Gaudium: «Io sono una missione su questa terra; per questo sono qui in questo mondo. Dobbiamo vederci sigillati, addirittura marchiati con un ferro rovente, da questa missione di portare luce. , di benedire, per ravvivare, elevare, guarire e liberare”.

Come discepoli di Gesù, siamo sfidati ad accompagnare i poveri nelle loro lotte, ad ascoltare le loro grida e i loro bisogni, a potenziarli e a tirare fuori il meglio di sé, nonostante la loro situazione, e ad accompagnarli nella loro ricerca della giustizia.

Tutti sono poveri, nel senso che tutti hanno bisogno di essere collegati a Dio, che è la fonte di tutto. Ognuno di noi ha qualcosa da dare e ognuno di noi ha dei bisogni da soddisfare. Come nella respirazione, assorbiamo ed emettiamo.

Dobbiamo riconoscerci come parte di tutto il corpo di Gesù, la chiesa, che è una chiesa dei poveri. Accogliamo la nostra immolazione e ci lasciamo immergere nella realtà e trasformarci per avere un cuore come Gesù, un cuore per i poveri. Siamo anche invitati a fare della nostra vita una testimonianza di cosa sia il regno di Dio.

 
 
bande bm maison mere modele 2.jpg

Accompagne- nous  dans Instagram  @ciccastres

Non perdere mai nulla

suore dell'immacolata concezione di castres

Merci ! 

MAISON GENERALE

Via Vincenzo Viara de Ricci, 24

00168 ROMA  Tél. +39 06 305 1863

WEBMASTER

5 rue du Louvre  06500  MENTON

+33 6 62 89 69 39

ecusson esp bleu petit++ tranparent.png